Vai al contenuto
Home » Blog » Non cosa voglio dalla vita ma cosa vuole la vita da me

Non cosa voglio dalla vita ma cosa vuole la vita da me

  • di

La foto di questo post ritrae un grande Maestro che amo molto Nisargadatta Maharaj 🙏🏻

Oggi inizierò prendendo spunto da un filosofo

Epitteto, forse il suo insegnamento principale , è basato su questa affermazione

“ che non sei felice per quello che sta succedendo. Sei infelice per quello che stai dicendo a te stesso su quello che sta succedendo “

Una volta che te ne rendi conto, è un enorme passo avanti.

Preso,assodato e compreso dalla mente ora lo devi verificare nella tua vita,perché non è abbastanza leggerlo e dire

<< wow ok non è fantastico ? >>

E domani vai avanti come se niente fosse .

Ora lo sai a livello mentale ma non L hai veramente compreso.

Quindi devi verificarlo nella tua vita quotidiana, significa fermarsi , ritirarsi e vedere ogni volta che sorge il turbamento ,

L’infelicita’ …

DA DOVE VIENE ?

È la situazione o è la mia reazione, che è una cosa mentale ,emotiva , alla situazione.

E nella maggior parte dei casi , scoprirai che è la tua reazione.

E poi in quel momento, la libertà , la possibilità della libertà , entra nella tua vita.

La libertà di scegliere di non essere in quello stato reattivo, verso ciò che sta accadendo nel momento presente, di non essere antagonisti verso ciò che sta accadendo nel momento presente per te, ma di arrivare ad un modo amichevole di essere con il momento presente. Dopo tutto, non c’è nient’altro.

Se non diventi amico del momento presente,qualunque forma esso assuma, è uno stato profondamente disfunzionale. Crea una continua infelicità,molte persone sono, in modo molto minore, in opposizione al momento presente. C’è una voce che si lamenta di qualcosa, questo non dovrebbe accadere e quello non dovrebbe accadere.

Provate ad usare a casa nei prossimi giorni questa particolare impostazione ,cioè

L’auto-osservazione , non sto dicendo di eliminare i commenti mentali ma essere semplicemente consapevoli dei vostri commenti mentali e di come sono collegati al tuo benessere o di come interferiscono con il tuo benessere naturale ?

E una volta che lo vedi, quando qualcosa che è stato o è molto inconscio ,quando viene riconosciuto , tende a svanire .

Quindi non devi usare la tua forza di volontà per eliminare i pensieri negativi.

Del tipo :

– D’ora in poi, non penserò a nulla di negativo.

-D’ora in poi non penserò nulla di negativo.

Ma state attenti siate vigili in modo da sapere cosa sta succedendo dentro di voi.

Quindi osservate i modi in cui la vostra mente si lamenta, per esempio…

Lamentarsi è uno dei modi preferiti del sé egoistico serve per sostenersi e rafforzarsi, sia internamente o ad alta voce, ha bisogno che qualcuno ascolti . Sarai molto felice di lamentarti, magari con gli altri , raccontando e felice nella tua infelicità di dire a qualcuno perché ti stai lamentando, nella speranza che questo venga rafforzato dall’altro. funziona magnificamente anche su Internet. Basta che osservi c è una nuova specie che sta sorgendo attraverso Internet, quelli perennemente addolorati. Vanno cercando la prossima cosa per cui commentare e gridare di essere arrabbiati e infelici ecc ecc , questo l’ego lo adora !

Offendere è diventata cosa importante ,va molto di moda.

Anche nelle università , nelle scuole gli studenti lo praticano e stanno diventando molto bravi.

Quindi se osservi la tua mente e una volta che ti rendi conto di come L’infelicità sorga più attraverso la mente che attraverso la situazione,puoi scegliere …

-ok , allora ti puoi chiedere , come sarebbe questa situazione se non la giudicassi ?

E poi sperimenti…

-ok , allora per un momento,stai affrontando una situazione senza imporre il

Giudizio su essa mentalmente .

E all’improvviso vivi un momento di apertura, di spaziosità, dove non è né buono né cattivo.

Non stai dicendo che questo sia un bene, perché il pensiero positivo ha il suo posto.

Ma non si tratta di pensare positivo.

Cerco di spiegarlo meglio …

Diciamo che sei in mezzo alla pioggia e sei completante inzuppato/a

Ora non c è bisogno di dire che è così bello ,sono positivo, evviva

A meno che non ti stia davvero divertendo, il che è possibile.

Basta astenersi dall’etichettarlo.

È.

E quando non giudichi una situazione non significa che non fai più nulla al riguardo .

Non dici, va bene , non sto giudicando di essere inzuppato !

Perciò rimango qui e non mi tolgo dalla pioggia .

Sono diventato paralizzato perché non lo sto giudicando ! ☺️

Quello che vorrei offrire e far vedere è che c è un altro modo di agire,di rispondere a una situazione ,che non è basato su un qualche tipo di giudizio negativo.

Un’altra cosa diceva questo “ragazzo”,Epitteto il filosofo , cerco di riassumere il concetto è che la vera saggezza è imparare a desiderare che tutte le cose accadano come sono”

Tradurrei in una frase che amo molto “Non cosa voglio dalla vita ma cosa vuole la vita da me “

Questo non ti condanna, all’inattività questo è un malinteso , inoltre se delle persone infliggono sofferenza ad altri umani ,all’improvviso ti alzi e dici “ che è una cosa buona “ no. In primo luogo dovrebbe essere praticato con riferimento alla tua vita , alla tua interazione con persone e cose e situazioni di vita.

Questa è la pratica primaria.

Significa non essere più in opposizione al momento presente , allo svolgersi del momento presente, non opporvisi interiormente.

Questo ti cambia tutto,il modo in cui sei.

Rimuove l’ego,l’illusione radicata , l’identità illusoria, che ama quell’opposizione,che si sostiene attraverso i confini, condannando l’altro .

Ama giudicare gli altri.

Questa pratica serve per osservare la nostra mente e raggiungere il luogo di libertà, puoi cominciare ad esercitarti , domani quando sei al supermercato .Oppure sei bloccato in un ingorgo e pensi che stress che ansia che brutto, o stai andando da qualche parte e in aeroporto il volo è cancellato, o peggio ancora ti hanno accettato la prenotazione ma erano in overbooking e non puoi salire perché non hanno posto per te.

Ecco … e poi notare che in realtà puoi affrontare queste situazioni senza il giudizio ed essere totalmente libero, interamente !

E questo ti dà un potere enorme, non un potere egoico.

Il destino della coscienza umana è di passare attraverso la fase del pensiero, in cui siamo rimasti intrappolati per migliaia e migliaia di anni, passare attraverso la fase del pensiero, non abbandonarla completamente, ma trascenderla in modo da non essere più intrappolati nel fare del pensiero,così che non deriviamo più il nostro senso di identità dalla fase pensiero ,ma dove il pensiero può diventare un bellissimo strumento senza diventare il fondamento per ciò che pensiamo di essere ( la mente non vede la mente interpreta )

Quindi ci eleviamo al di sopra del pensiero , e questo è il nostro destino,poiché ognuno di noi è un’espressione della coscienza universale e, in particolare , un’espressione della coscienza umana.

Quindi stiamo superando il pensiero,ed è per questo che siamo qui.

Ed è proprio questa l’essenza dell’essere qui,scoprire in noi stessi la capacità non solo di pensare , che già c’è L hai ,ma di elevarci al di sopra del pensiero ,dove non hai bisogno di pensare a tutto dove scopri ci possono essere delle lacune nel flusso del pensiero , possono esserci spazi in cui sei molto sveglio .

Niente a che vedere con uno stato di sonno in cui vai …sei vigile, sei brillante ti illumini

Così scopri la capacità di avere questi momenti senza pensieri.

E quindi se dentro di te, la maggior parte del tempo sei in uno stato di mancanza ,di insufficienza di non abbastanza e senti che la risposta, il rimedio è essere attivi in questo mondo e raggiungere obiettivi e fare tutto il possibile , significa che ancora non è tempo per te , successivamente poi probabilmente scoprirai che in definitiva non è quella la risposta , perché anche realizzando tutti gli obiettivi il tuo stato di mancanza è sempre presente , per trascenderlo, per andare oltre il tuo stato di bisogno, di non abbastanza ,devi vedere e realizzare chi sei veramente. Concentrati sulla realizzazione dell’essere, è solo lì che puoi andare oltre quello stato del linguaggio chiamato ego ,

Entra dentro e scopri chi e cosa sei aldilà della persona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You cannot copy content of this page