Vai al contenuto
Home » Blog » Paradossalmente, la capacità di stare soli è la condizione prima per la capacità d’amare.

Paradossalmente, la capacità di stare soli è la condizione prima per la capacità d’amare.

  • di

Quando sei stato rifiutato.
Quante volte è successo
che chi amavi,
chi doveva proteggerti
ti ha lasciato cadere.
.
Quel senso di solitudine
che nessuno ti ha
insegnato a vedere,
è stato frainteso.
.
Ne hai percepito la grande paura
di restare in un mondo
che non ti vuole,
il tuo seppur piccolo mondo
non ti vuole come sei.
.
Hai cominciato a cambiare
per assecondare chi diceva
di volerti bene.
In cerca dell’approvazione
del suo mondo
hai cambiato il tuo.
.
Così adesso il tuo mondo
è stato represso,
nascosto in fondo ad un abisso
dove hai dimenticato.
.
Hai fatto crescere un mondo diverso,
ti sei convinto
che il mondo è questo.
.
Adesso sembra
che qualcuno ti ascolti,
solo perché tu ti sei adeguato,
ti sei reso conforme
ad un mondo che ti vuole
in un certo modo.
.
A volte o spesso senti
che questo mondo non ha
niente a che fare con te.
Senti che c’è qualcosa
di diverso che vuole farti vedere.
I conflitti non sono i tuoi conflitti.
.
Quei conflitti bussano da dentro
perche tu torni in quegli abissi
dove ti sei nascosto
per diventare altro.
.
Combatti i conflitti
per restare nel mondo,
invece di seguirli,
per entrare dove hai dimenticato
.
In alcuni momenti
percepisci forte questo,
e in quel momento
non c’è conflitto,
un’onda di pace ti bagna
da capo a piedi,
facendoti sentire
giusto così come sei.
.
Spogliato del divenire
resti nudo senza
nessuno di fronte.
Riconosci ciò che avevi
dimenticato.
.
Non è un ricordo della mente,
non appartiene al passato.
È sempre stato qui,
i tuoi passi sono
sempre stati tesi a tornare,
non indietro ma qui.
.
Qui non c’è niente
che possa turbare la pace,
qui ti senti a casa,
qui sei libero dalla
schiavitù del mondo.
Non devi liberati del mondo,
sei sempre stato libero.
.
Non tentare di afferrarlo,
arrenditici e non avrai
bisogno di cercare,
di divenire,
di accontentare,
di adeguarti.
.
Mentre leggi queste parole
lo hai contattato,
lo ha tocccato.
Quella solitudine
è un immenso
campo di pace
dove il vento dell’amore
soffia libero.
.
Chi ti parla adesso
non sono queste parole,
ma la solitudine
che hai dimenticato,
giudicata, esclusa.
.
Abbracciami,
la paura non è vinta,
non è mai esistita.

Aggiungo una nota finale … ricordate :

Le persone che si amano
le riconosci.

Non cercano l’amore
per essere amati,
lo incontrano per
condividerlo insieme all’altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You cannot copy content of this page